London Bus Tour Jack Potato, Amaro Del Golfo Amazon, Allievi Regionali Calabria Girone D, Dichiarativa In Greco, Chopin Op 10 N 4 Pdf, Contributo Fondo Perduto Asd Novembre 2020, Webcam Autostrada Sestri Levante, Causa Civile Tempi, Graduatorie D'istituto 2020 Pubblicazione, Marco Fratini Consob, Ray Milland Colombo, Casa Soggiorno Laggio, Biglietti Auguri Fai Da Te Da Stampare, " />

Blog Post

News from us
06 Febbraio 2021

madre teresa di calcutta soldi

|
By
|
0 Comment
|

Niente più di questo mi lega a Madre Teresa, e ho scoperto che niente come ciò genera apprezzamento verso la sua santità quando racconto questa storia agli altri, sia in articoli che in omelie o durante i ritiri spirituali». Mi consentirono di portarla senza che dovessi pagare il sovrappeso di quell’involucro". Certamente una volta dal Santo Padre per un pranzo". Amen! Â,  Madre nel nome del Padredi Vincenzo Marras Â. Un sari, un paio di sandali, un rosario, una piccola croce. Per questo hanno ricevuto critiche, in parte giustificabili, ma la loro attività di assistenza, in luoghi estremi di ogni continente, resta eccezionale. La più piccola dei cinque figli di Nikola e Drane Bojaxhiu, fu battezzata Gonxha Agnes, ricevette la Prima Comunione all’età di cinque anni e mezzo e fu cresimata nel novembre 1916. Incontra Paolo VI durante il suo viaggio in India. Concedi ai perseguitati forza e speranza e insegnaci, meravigliosa creatura, a non colpire essere alcuno nel quale il Padre dei Cieli ha infuso la vita". Ed il popolo indiano cosa ne pensa di Madre Teresa ? Durante gli ultimi anni della sua vita, nonostante i crescenti seri problemi di salute, Madre Teresa continuò a guidare la sua Congregazione e a rispondere alle necessità dei poveri e della Chiesa. Pregando, il Signore mi ha riempito il cuore di amore e così ho potuto amare i poveri con l'amore di Dio". Quando veniamo a sapere che ogni otto secondi muore un bambino di malnutrizione, che un miliardo di uomini non ha accesso all’acqua potabile, che tre miliardi di esseri umani – metà dell’umanità – non possiedono neppure un euro per sopravvivere un giorno in più, possa la beatificazione di Madre Teresa ricordarci l’obbligo d’essere più che mai attenti al messaggio che ha proclamato incessantemente: «I poveri devono essere amati, perché sono stati creati dalla mano di Dio per amare ed essere amati. Che spesso non bastano. Apprezzato in tutte le democrazie occidentali per l’imparzialità con cui si sono svolte le elezioni politiche sotto la sua supervisione, Chawla è di religione indù e tuttavia è stato amico di Madre Teresa e profondamente influenzato da lei tanto da essere diventato filantropo (continua infatti l’opera appresa dalla suora di Calcutta investendo in lebbrosari e centri per la cura dei bambini non-udenti). MORTE E SANTIFICAZIONE DI MADRE TERESA. Respingiamo inoltre chi scorge nell’oscurità di fede di Madre Teresa un dubbio filosofico o teologico dell’esistenza di Dio. Una terza consistente critica è arrivata da uno studio pubblicato su Religieuses nel 2013, intitolato: “Il lato oscuro di Madre Teresa”. Un Servo di Dio che sia stato beatificato prende il nome di “Beato”. Questi uomini e donne possono essere anche ricchi di denaro e di beni, ma soffrono a causa della povertà interiore. Madre Teresa si precipita. In fondo è ciò che fanno le Missionarie e i Missionari della Carità, sostenendosi quotidianamente con la preghiera. Tuttavia, Madre Teresa ha avuto il coraggio della convinzione e l’onestà di intenti e non ha mai evitato le attività missionarie, a differenza delle organizzazioni che lo fanno sotto vesti ingannevoli». Il 5 settembre alle 21.30 Madre Teresa muore a Calcutta. La sua testimonianza di vita, l'esempio della "Madre dei poveri", tanto eloquente per tutti, credenti e non credenti, sono ben visibili, come lo è la città sul monte. «Quello che ho visto personalmente è stato l’amore e la cura che viene data agli indigenti a prescindere dalla loro religione. La gioia dei poveri:   «Lei è ancora tra noi». L’elenco sarebbe lunghissimo. Raccogliendo i moribondi dalle strade, Madre Teresa si trovava spesso dinanzi a un’altra emergenza: i piccolissimi figli di mamme e padri in fin di vita che sarebbero a propria volta morti in breve tempo se nessuno si fosse preso cura di loro. Il resto è storia. La più grande, per la verità, bambina non è più, perché ha oggi 26 anni. A fine anno un’insufficienza cardiaca rende necessario l’applicare un pacemaker. Il 20 dicembre 2002 approvò i decreti. a vedere in lei la presenza di Dio, quella abbagliante luce che traspariva dai suoi occhi e da ogni suo gesto. Da quel giorno fu sempre chiamata Madre Teresa. Funzionava sempre, con Madre Teresa». Suor Nirmala, che significato ha per lei la beatificazione di Madre Teresa?«È una conferma che la vita che lei ha vissuto è approvata da Dio ed è degna di essere innalzata sugli altari dei beati. In occasione della morte di Hitches, Donohue lo ha ricordato con affetto rivelando anche alcune loro conversazioni: «Si è scusato con me due anni fa e ho accettato, perché questo è il modo in cui io sono. Era a Gesù stesso, nascosto sotto le vesti angoscianti dei più poveri tra i poveri, che era diretto il suo servizio. L’ "erede" di quella che questa mattina, anche ufficialmente, la Chiesa riconosce come una storia di santità. dal nostro inviato a Calcutta Maurizio Blondet, «Ordinava preghiere come fossero medicine». «Abbiamo tenuto una bombola di ossigeno nel caso ci fosse un’emergenza, pronti a trascinarla in ospedale. Appena nell’Unione Sovietica si apre la stagione del disgelo Madre Teresa è a Mosca: «In questo Paese – dichiara nel 1988 – apriremo quindici case, una per ciascun mistero del Rosario». Tutti erano accomunati dalla gioia di essere stati accolti e amati dalle suore dal sari bianco con le strisce azzurre. Il sarcofago della Madre è coperto di fiori d’arancio, e reca una scritta su un cartone verde: Come be my light, sii la mia luce. Esattamente un anno fa, la sera del 5 settembre, moriva a Calcutta Madre Teresa. La sua vita è una testimonianza della dignità e del privilegio del servizio umile.  Questa raccolta di testi su “madre Teresa di Calcutta“,  elaborata in occasione della sua beatificazione, finisce qui. Ma non immuni da sofferenze e incomprensioni. L'India le riservò solenni funerali di Stato e la sua bara venne fatta sfilare tra migliaia di persone per le vie di Calcutta. S’è fatta povera con i poveri, ma. Siamo all’inizio di settembre del 1998. Ci lascia la testimonianza dell'amore di Dio che, da lei accolto, ne ha trasformato la vita in un dono totale ai fratelli. Da Belfast furono loro ad andarsene quando qualcuno arricciò il naso per la collaborazione instaurata con le religiose anglicane. Senza queste suore non sapremmo come fare», dicono. È un vero scambio di doni. Li vedo ogni giorno: uomini, donne, bambini. Desiderava essere un "segno dell'amore di Dio, della presenza di Dio, della compassione di Dio" e, in tal modo, ricordare a tutti il valore e la dignità di ogni figlio di Dio, "creato per amare ed essere amato". Istantanea della vita quotidiana delle Missionarie della Carità a Roma: religiose affaccendate intorno ai fornelli e ai pentoloni nella mensa. Si formò una piccola processione per i doni all’altare, le neoprofesse portavano le ostie, i loro genitori cestini con il pane, spighe di grano e bastoncini indiani all’incenso. Se mi dicono che il nostro lavoro è un niente, rispondo che Cristo sarebbe morto per una sola persona». Inoltre, tutto questo non le impedì di continuare a testimoniare l’amore di Dio alle persone a lei vicine: «Mie care figlie», scrisse ad esempio alle consorelle, «senza sofferenza il nostro lavoro sarebbe solo lavoro sociale, molto buono ed utile, ma non sarebbe l’opera di Gesù Cristo, non parteciperebbe alla redenzione. Recentemente, Giovanni Paolo II, incontrando un gruppo di vescovi indiani, ha indicato l'apostolo Tommaso, Francesco Saverio e Madre Teresa come "alcuni fra i grandi esempi dello zelo apostolico che è sempre stato presente in India". Madre Teresa “si faceva uno” con tutti. Una risposta ai tanti perché che agitano il cuore degli uomini e delle donne del terzo millennio, a cui né scienziati, né sociologi ed opinion leaders sanno fornire concrete spiegazioni. La cornice migliore per raccogliere quello che è stato l’invito del Papa, di rendere «lode a questa piccola donna innamorata di Dio, umile messaggera del Vangelo e infaticabile benefattrice dell’umanità», di onorare in lei «una delle personalità più rilevanti della nostra epoca», e di seguirne l’esempio e «servire con la gioia e il sorriso ogni persona che incontriamo». La preghiera del Memorare era una delle devozioni predilette da Madre Teresa. processo di beatificazione ci ha permesso di capire che aveva veri e propri dialoghi interiori con Gesù. Come dimenticarla? «E continuano ad essere pieni di immigrati dal Bangladesh», prosegue imperturbato. Se l’era caricata addosso e l’aveva portata in ospedale, dove però i medici rifiutarono di accoglierla: subito dopo l’agonizzante le era morta fra le braccia. «Ci si è posto presto il problema di cosa fare quando il numero delle persone che vengono è eccessivo – racconta la superiora –. Non voleva che il suo lavoro si fermasse». In questo modo, ci trovavamo sulla stessa lunghezza d’onda». Altri santi che hanno sperimentato questa esperienza sono Giovanna Francesca Frémiot de Chantal e Teresa d’Avila. Ma c'è un'altra parola che resterà per sempre associata a Teresa. – le diceva tante volte la madre nei primi anni della sua infanzia, conducendola a passeggio; e la piccola Agnes, diventata cogli anni Madre Teresa, non avrebbe mai dimenticato questa raccomandazione materna. Lui non lo sa, ma questo non gli impedisce di dire che “nessuno lo ha mai chiesto”. Ciò che non mi serve mi pesa». Da un piccolo seme, il Signore ha fatto crescere un albero grande e ricco di frutti (cfr Mt 13,31-32). Per questo motivo, la Chiesa li propone ai fedeli come amici e compagni nella sequela del Cristo, come modelli da imitare, e intercessori presso Dio.  La canonizzazione di un santo è un atto solenne con il quale il Papa, la somma autorità nella Chiesa cattolica, dichiara che una persona ha praticato virtù in grado eroico e ha vissuto in fedeltà alla grazia di Dio, si trova con Lui in Cielo e deve essere venerato in tutta la Chiesa. La struttura può ospitare circa 50 persone, comprese madri e bambini, e comprende anche un magazzino per lo stoccaggio dei generi di prima necessità. È il modo in cui si appropria della sacralità l’India, Paese vertiginosamente in bilico fra la supermodernità (ha un primato mondiale nell’informatica) e l’idolatria arcaica. Osservare Madre Teresa nel tratto, negli atteggiamenti, nel modo di essere, aiutava a capire che cosa significasse per lei, al di là della dimensione puramente fisica, l’essere madre; aiutava ad andare alla radice spirituale della maternità. Signore, vuoi il mio cuore per passare questa giornata amando ogni uomo solo perché è uomo? S'è fatta povera con i poveri, ma soprattutto "come" i poveri. Questi sono i tipi di lavoro che le Missionarie della Carità svolgono quotidianamente. «Di questa donna semplice, proveniente da una delle zone più povere d’Europa – ha spiegato –, il Signore ha fatto uno strumento eletto per annunciare il Vangelo a tutto il mondo non con la predicazione, ma con quotidiani gesti d’amore verso i più poveri. Il vantaggio di essere un morto che cammina, ricorda Hunter, è che non devi rispettare nessuna convenzione sociale. Nella famiglia si sperimenta la gioia di amare e di amarsi l'un l'altro. Perché noi giornalisti siamo tutti già qui davanti a Mother House all’alba, fra i corpi sui marciapiedi che cominciano a destarsi, a raccogliere i loro stracci, a insaponarsi sotto i tubi dell’acqua. Siete disposti a fare lo stesso? Di qualcheduno di tali pregi medioevali era fornita anche Madre Teresa, donna occupata nell’essenziale, sollecita e persino decisionista, aliena da lungaggini e condiscendenze burocratiche. Solo essendo uno di noi ci poteva redimere. È il modo in cui si appropria della sacralità l’India, Paese vertiginosamente in bilico fra la supermodernità (ha un primato mondiale nell’informatica) e l’idolatria. In risposta alla richiesta di molti sacerdoti, nel 1991 Madre Teresa dette vita anche al Movimento Corpus Christi per Sacerdoti come una “piccola via per la santità” per coloro che desideravano condividere il suo carisma e spirito. L’improvvisa morte del padre, avvenuta quando Agnes aveva circa otto anni, lasciò la famiglia in difficoltà finanziarie. La vostra scelta e il vostro impegno sono un invito al coraggio e alla generosità per tutta la società, perché questo dono sia sempre più stimato, favorito e anche legalmente sostenuto. È una cosa spontanea, nessuno l’organizza». Papa Wojtyla lesse gli avvisi sulla lavagnetta dell’atrio - «2 entrati, nessun uscito, 4 morti» – visitò la camerata maschile e quella femminile, e pregò presso la camera mortuaria dov’erano composti i quattro deceduti dell’ultima notte, due donne, un uomo e un bambino. Ma perché Dio ha creato le donne?Perché l'amore di una donna è l'immagine dell'amore di Dio, e l'uomo è un'altra immagine dell'amore di Dio. Dirò di più: per lei l’oscurità era una forma di apostolato, una parte della sua missione, che le ha permesso di condividere la povertà spirituale, e non soltanto quella materiale, di tanta gente. La Madre si riservò di pensarci su perché il posto non le sembrava opportuno, allora uno dei presenti le suggerì di prenderne intanto le chiavi, ma lei rifiutò: «No, grazie. Quali prove confermano i suoi metodi contro il dolore? Istantanea della vita quotidiana delle Missionarie della Carità a Roma:persone in cerca di assistenza aspettano di fronte all’entrata. Monika Besra, una trentenne sposata e madre di cinque figli, agli inizi del 1998 era stata colpita da meningite tubercolare, alla quale si era successivamente aggiunta una forma tumorale che l’aveva ridotta in fin di vita. E ad ascoltare queste sue parole (lette solo in parte, come ormai ci ha abituato in questi giorni), ieri mattina, nella tradizionale udienza del giorno dopo, c’erano in prima fila suor Nirmala e quanti continuano a far risuonare questa «voce» ai quattro angoli del mondo. Ha trovato un moribondo per strada, lo ha portato in un ospedale pubblico dove è stato respinto poiché era sul punto di morire e non avrebbero sprecato un letto di ospedale per una vita che non potevano salvare. Presto sugli altari la santa Suora della CaritÃ. Perché «personalmente grato a questa donna coraggiosa, che ho sempre sentito accanto a me». Il duro lavoro che svolgono è parte della loro attività di preghiera». "Poi ognuna camminò per la propria via, ma sempre tenendoci per mano. 20 Ottobre 2003 Parla il membro della Pontificia accademia per la famiglia. Un misterioso richiamo, che col passare delle ore si fa pressante: Dio le chiede di lasciare il convento per andare a cercare "i più poveri tra i poveri". Siate umili come Maria e santi come Gesù   Â,                                                                 Â, Parla il postulatore della causa di beatificazione, Parla il membro della Pontificia accademia per la famiglia, E ora Padre Paul, salesiano, capo delle relazioni coi media all’arcivescovado, sta spiegando al telefono a una giornalista della tv bengalese: «No, la Madre non è diventata una dea. 20 Ottobre 2003 Parla il postulatore della causa di beatificazione, Kolodiejchuk: "Modello contagioso per gli analfabeti di Dio". Divenuta adulta, sposata, Lucy è tornata aspesso a visitarla: «Non c’era bisogno di appuntamento per parlarle. Lo scrittore Cristopher Hitchens ha criticato la suora albanese anche per la sua presunta concezione della sofferenza e della morte. Nell’aprile del 1996 si ruppe la clavicola e morì nel 1997. Io stessa sono una sikh e questo non è mai stato di ostacolo al mio rapporto con le Missionarie della Carità». Non aveva alcun bisogno di convertire», ha replicato. In realtà, Madre Teresa è stata un dono di Dio ai più poveri dei poveri; e nello stesso tempo, proprio per il suo straordinario amore verso gli ultimi, è stata e rimane un dono singolare per la Chiesa e per il mondo. Sono stati nutriti a omogeneizzati invece che a rifiuti, e poi affidati a veri genitori invece che alla pietà dei passanti. Affetto e ammirazione che il Papa non ha mai nascosto, e tante volte ha anzi manifestato pubblicamente fino al "via libera" all’abbreviazione dei normali tempi previsti per le cause di beatificazione. C’è poi il grande capitolo della sua vita: l’attenzione ai più bisognosi. Credo proprio di no. Questi attacchi, però, «potrebbero essere interpretati come indizio della frustrazione dei suoi avversari per non essere riusciti a scoprire niente di imbarazzante e umiliante che la riguardasse» (pp. «Avevano un sacco di soldi, ma solo 5-7% è andato in beneficenza per i farmaci, e cose del genere. Aveva preso sul serio le sue parole: "Io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare…" (Mt 25,35). Il Santo Padre iscrive la persona nella lista dei Santi. In tutti i tempi, Madre Teresa chiedeva soldi anche ai peggiori dittatori, come, ad esempio, a Duvalier, il dittatore di Haiti, al quale chiedeva soldi -diceva- per sanare la povertà, pur sapendo che il delinquente dittatore generava egli stesso la povertà, affinché i poveri rimanessero sempre più poveri. Il sovrumano non è per noi. Non è mai stata di mezze misure! Una volta iniziata la fase diocesana, il candidato può essere chiamato “Servo di Dio.”. Madre Teresa ha sempre parlato di un giorno dell’ispirazione, cioè il 10 settembre 1946. Suor Nirmala Joshi è nata nel 1934 a Ranchi, dove i suoi genitori erano immigrati dal Nepal. Sì, in lei si può vedere l’arte di amare" incarnata alla perfezione. Se que- sto feeling verso santità e maternità è senza dubbio comune al mondo intero, diventa poi sintomatico e tipico del contesto in cui Madre Teresa ha vissuto: l'India. Madre Teresa rimarrà sempre Madre per coloro che l’hanno conosciuta, per cui molte persone la chiameranno: “Beata Madre Teresa di Calcutta,” ma ufficialmente sarà conosciuta come “Teresa di Calcutta” e successivamente, Dio volendo, “Santa Teresa di Calcutta.”. Voglia il Signore colmarvi di ogni consolazione e vi sostenga nelle difficoltà del cammino. La vecchietta distesa nel lettino  mi guarda severamente e dice: dottore, i poveri non hanno ventilatori. E così Sonia, ora di 20 anni, e Marina, di 16, adottati anche loro a Palermo da Gianfranco e Daniela Caccamo. «Ti voglio bene, ma non posso restare legata a un uomo che sta per morire», gli disse nella stanza dei colloqui. La sua totale donazione a Dio, ogni giorno riconfermata nella preghiera, si è tradotta in una totale donazione al prossimo. Dopo la premiazione, ci fu l’incontro con i giornalisti e uno le chiese: «Come fa ad annunciare il Vangelo a chi ha la pancia vuota?». Shirin Bazleh, ad esempio, è un regista americano agnostico che si è recato a Calcutta nel 1996 per visitare l’opera di Madre Teresa. Un faro di speranza per chi, credente o meno, continua a confidare nella bontà dell’uomo poiché con «eccezionale abnegazione ha dedicato tutta la sua vita per soccorrere, in India e in altri paesi del mondo, le vittime della fame, della miseria e delle malattie, gli abbandonati e i morenti, tramutando in azione instancabile il suo amore per l’umanità sofferente» (Premio Balzan, 1978). Nelle Costituzioni delle Missionarie la Madonna viene definita "la prima Missionaria della Carità", e ciò in ragione della sua visita a Santa Elisabetta, nella quale Maria dette prova di ardente carità nel servizio gratuito offerto all’anziana cugina bisognosa di aiuto. In secondo luogo, la calunnia verso una religiosa molto famosa serve all’opera di screditamento di coloro che credono in generale, e contribuisce a rafforzare la tesi per cui gli atei sono sempre e immancabilmente migliori» (F. Agnoli, Perché non possiamo essere atei, Piemme 2009, p. 240). Conservate inalterato il suo carisma e seguite i suoi esempi, e lei dal Cielo non mancherà di sostenervi nel cammino quotidiano. Come non accogliere questo suo invito a fondare l'autentico benessere e la vera felicità della famiglia sulla solida base della preghiera, dell'amore e del servizio vicendevole? Quando si è ammalata, all’inizio degli anni Novanta, la priorità di chi le stava intorno era cercare di convincerla a rallentare il ritmo e non peggiorare la sua salute cagionevole. La cerimonia sta per iniziare. Convinta che la santità è possibile a chiunque s’impegni seriamente nel seguire Gesù, Madre Teresa ne conosceva il segreto: l’affidamento a Maria. Innanzitutto va detto che l’autore del libro che ha rivelato tutto ciò è padre Brian Kolodiejchuk, postulatore della causa di beatificazione di Madre Teresa. A noi è permesso fare lo stesso: tutta la desolazione dei poveri, non solo la loro povertà materiale ma anche la loro profonda miseria spirituale devono essere redente e dobbiamo condividerle. Ha creato un ponte tra me e la povertà. Costruì un primo ospedale e fece così tanto per i poveri che in giro di non molto tempo la gente s’inchinava per toccarle i piedi, che è un gesto di rispetto, qui in India, verso le figure autorevoli. Invitava, ad esempio, i volontari che prestavano per un certo tempo servizio alla sua Opera, a cercare la propria Calcutta là dove ognuno tornava. Quel genere di persone che non sono niente, che vivono ai margini di tutto, il mondo dei derelitti che ogni giorno agonizzavano sui marciapiedi di Calcutta, senza neppure la dignità di poter morire in pace. Senza l’ambizione di guarirli. I ricercatori canadesi hanno parlato di “instabilità psicologica”. Dio ha fatto questo nella Persona del suo Figlio fatto uomo, Gesù Cristo, buon Samaritano dell’umanità. Aveva un ideale: i più poveri fra i poveri. In tutto quello che ha fatto è stata motivata dal suo amore per Cristo, quando divenne troppo malata voleva comunque visitare la Casa per i moribondi per pulire i bagni, come prima cosa. Lo scrittore Simon Leys, prestigioso docente di Sinologia alla Australian National University, ha pubblicato sul The New York Review of Books una breve ma significativa risposta a tale accusa: «Madre Teresa battezza in segreto i moribondi? Nel 1971 rispondono all’appello dello Yemen, Paese rigidamente musulmano, colpito da una gravissima carestia. «Conservate inalterato il suo carisma e seguite i suoi esempi – ha concluso il Papa –, e lei dal Cielo non mancherà di sostenervi nel cammino quotidiano. Sin dal primo incontro vidi in lei una persona decisamente incamminata per la sua strada, con un obiettivo ben preciso.Nessuno l'avrebbe potuta fermare. Ora io penso che sia molto discutibile se si guarda a quanto cibo è arrivato attraverso il suo ministero e a quanti farmaci anti-lebbra che sono stati distribuiti». L’intero movente è quello di servire i poveri disinteressatamente, portare gioia e dignità nella loro vita. Dopo pochi minuti, la donna si assopì dolcemente. Il ricordo di suor Nancy va ai giorni della guerra e della capitale irakena sotto assedio.

London Bus Tour Jack Potato, Amaro Del Golfo Amazon, Allievi Regionali Calabria Girone D, Dichiarativa In Greco, Chopin Op 10 N 4 Pdf, Contributo Fondo Perduto Asd Novembre 2020, Webcam Autostrada Sestri Levante, Causa Civile Tempi, Graduatorie D'istituto 2020 Pubblicazione, Marco Fratini Consob, Ray Milland Colombo, Casa Soggiorno Laggio, Biglietti Auguri Fai Da Te Da Stampare,

|
Island Tales - Front Cover
Ballaró // Island Tales
  1. Ballaró // Island Tales
  2. Luna // Island Tales
  3. Tribal // Island Tales
  4. Preludio // Island Tales
  5. Marettimo // Island Tales
  6. Father // Island Tales
  7. Hifda // Island Tales
  8. Arabe // Island Tales
  9. Afrika // Island Tales
  10. Minor question // Island Tales